Sicilia, attivato il bando su B&B e attività extra agricole

Sicilia, attivato il bando su B&B e attività extra agricole

Pubblicate le disposizioni attuative della misura dedicata allo sviluppo del turismo e delle attività extra agricole in Sicilia, attraverso la realizzazione di B&B, punti vendita, attività per la trasformazione dei prodotti artigianali e servizi dedicati al turismo nelle aree rurali C e D (tra cui rientrano anche i comuni di Taormina, Castelmola, Giardini Naxos, Letojanni). La sottomisura in questione è la 6.4.C del Programma di Sviluppo Rurale Sicilia 2014-2020 che gode di una dotazione finanziaria complessiva di 20 milioni di euro.

Sottomisura 6.4.C. Nel dettaglio incentiva gli interventi per il sostegno agli investimenti per la creazione e lo sviluppo di attività extra-agricole, favorendo sia la creazione di nuovi posti di lavoro che la erogazione di servizi finalizzati al miglioramento della qualità della vita delle comunità locali nei territori rurali. Si intendono sostenere le attività rivolte al completamento di filiere locali e alla valorizzazione delle specificità culturali e enogastronomiche connesse alle produzioni agricole e alimentari di qualità, il rafforzamento dell’offerta turistica con strutture di accoglienza e servizi. Gli investimenti potranno quindi essere rivolti alla realizzazione di B&B, punti vendita e attività per la trasformazione dei prodotti artigianali ed industriali, progetti per l’innovazione tecnologica, l’inclusione sociale, la promozione culturale e la manutenzione ambientale in parchi, riserve ed aree classificate come Natura 2000. L’operazione assume un ruolo centrale nell’ambito degli interventi volti a contrastare lo spopolamento dei territori rurali e le iniziative favoriranno infatti la creazione di nuovi posti di lavoro, il consolidamento dell’occupazione (favorendo anche l’ingresso di donne e giovani nel mercato del lavoro) e il mantenimento della popolazione rurale attiva.

Realizzare un B&B. Tra gli interventi ammissibili in tali contesti, finalizzati alla valorizzazione delle risorse legate al territorio, e caratterizzati da principi quali sostenibilità energetica, ambientale, innovazione tecnologica e servizi dedicati alla persona, possono essere compresi la ristrutturazione, il recupero, la riqualificazione e adeguamento di beni immobili strettamente necessari allo svolgimento esclusivo delle attività di B&B e delle altre attività previste per le imprese extra agricole. Per ogni progetto è previsto un contributo a fondo perduto del 75% dei costi ammissibili. I progetti dovranno avere un valore minimo di 30.000 ad un massimo di 266 mila euro. Le domande di partecipazione al bando devono essere presentate entro il 20 febbraio 2018. L’investimento per lo svolgimento dell’attività di B&B è finanziabile solo se prevista in immobili di proprietà.

Per scaricare le disposizioni attuative CLICCA QUI

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *